Effettuare richieste in Cross Origin Resource Sharing (CORS): JSONP e HTML5 a confronto

di ,

Uno scenario ricorrente nelle applicazioni web è quello in cui la pagina, mediante JavaScript e XmlHttpRequest, accede a dei dati consumando un servizio REST.

In questo scenario, per attenuare i rischi derivanti da attacchi di tipo "Cross Site Scripting" o "Man in the middle", i browser applicano una restrizione, detta same-origin, per assicurare un livello di sicurezza adeguato e scongiurare gli attacchi citati.
Tutto questo si traduce, in sintesi, nell'impossibilità di accesso dati esposti da un servizio REST-based sul dominio www.myPublicAPI.com, da parte di un'applicazione web esposta su un dominio diverso, ad esempio www.myWebApp.com.

Esistono diversi workaround per aggirare la restrizione same-origin, uno è JSONP ovvero JSON with Padding. Questo espediende consiste nell'iniettare uno script, esposto come risorsa remota su un dominio differente. Tipicamente si tratta di una risorsa fittizia, rappresentata da una response costruita server-side (ASP.NET, PHP, etc) contenente codice Javascript + dati JSON, entrambi vengono utilizzati client-side, nella pagina richiedente, per servire la richiesta iniziale.
Fin dalla versione 1.2, JQuery supporta questo workaround fornendo una sintassi semplificata, simile a quella utilizzata nelle normali richieste AJAX, per effettuare una richiesta JSONP:

JavaScript
$.getJSON("www.myPublicAPI.com?value=12345&callback=?", function(rawData) {
    //Todo: gestire i dati ritornati
});

il parametro callback è opzionale e consente di specificare una funzione personalizzata, da richiamare in seguito al completamento della richiesta JSONP, nell'esempio si è fatto ricorso ad una funzione passata direttamente come parametro del metodo getJSON.

Per avere evidenza di quanto illustrato, è sufficiente utilizzare un tool come Fiddler (http://www.fiddler2.com), per analizzare la response ottenuta richiamando una risorsa JSONP, ad esempio:

http://api.flickr.com/services/feeds/photos_public.gne?tags=desmo16&tagmode=any&format=json&jsoncallback=myCustomName

Con HTML5 si ha facoltà di disabilitare la restrizione same-origin, consentendo chiamate AJAX verso domini differenti, a patto di includere nella response (prodotta "server-side") contenente i dati l'header Access-Control-Allow-Origin in cui sono specificati i domini autorizzati ad effettuare chiamate.

Riprendendo l'esempio citato in apertura, la response prodotta dall'ipotetico servizio REST www.myPublicAPI.com, dovrà contenere l'header:

Headers
Access-Control-Allow-Origin:www.myWebApp.com

Oppure, se s'intende esporre pubblicamente l'api, senza alcuna limitazione (ma con tutti i rischi del caso), sarà sufficiente specificare:

Headers
Access-Control-Allow-Origin:*

La specifica prevede anche altri due headers:

  • Access-Control-Max-Age: indica l'intervallo di tempo (in secondi) in cui mantenere in cache la response
  • Access-Control-Allow-Methods: indica esplicitamente quali metodi HTTP sono autorizzati, in particolare serve per autorizzare PUT e/o DELETE, in quanto i metodi GET, POST, HEAD sono autorizzati di default.

La specifica completa è disponibile qui: http://www.w3.org/TR/cors/

Commenti

Visualizza/aggiungi commenti

Effettuare richieste in Cross Origin Resource Sharing (CORS): JSONP e HTML5 a confronto (#49) 1010 2
| Condividi su: Twitter, Facebook, LinkedIn, Google+

Per inserire un commento, devi avere un account.

Fai il login e torna a questa pagina, oppure registrati alla nostra community.

Approfondimenti

I più letti di oggi